The Road..

Posted in drammatico with tags , on giugno 10, 2010 by missaracle

“La strada”, di Cormac McCarthy, è un romanzo che non si dimentica: per la potenza emotiva ed evocativa, per la cupezza disperata che colpisce tanto allo stomaco quanto al cuore, per la profondità dei ragionamenti messi sottilmente in gioco su temi come umanità, fede, redenzione.

E per una scrittura secchissima, essenziale eppure capace di comunicare dettagli e sentimenti in maniera ricchissima. Di fronte ad un testo di questo genere, la scommessa di tradurre in immagine cinematografica racconto e stile del libro era di quelle rischiose e assai ambiziose.

E non bastava scegliere a priori la strada della fedeltà al testo – e non della sua modifica o implementazione – per pararsi le spalle a sufficienza.

Annunci

Up In The Air..

Posted in cinema store, sentimentale with tags on giugno 10, 2010 by missaracle

“L’anno scorso ho passato 322 giorni in viaggio,ho volato per 35omila miglia…la luna ne dista 250mila.Le cose che tutti odiano del viaggiare per me sono confortanti riminiscenze che sono a casa. “

Tutto ciò di cui ha bisogno entra comodamente in una valigia a rotelle..

Posted in drammatico with tags , , on giugno 10, 2010 by missaracle

Tra le nuvole è un film dal doppio volto. O meglio, un film che indossa una maschera: una maschera che tenta di nascondere facendo finta di gettarla via in un prefinale che anticipa quello vero, dove viene reindossata per far credere che sia il suo vero volto. Perché Jason Reitman,

per metà abbondante del suo film, gioca tutte le sue carte come si deve: apre con ottimi titoli di testa, caratterizza bene il suo protagonista (un George Clooney forse mai così carygrantesco), regala spessore a lui, al suo solitario e compiaciuto viaggiare, trasmette la freddezza asettica di quello stile di vita e di quel lavoro attraverso una regia essenziale che si appoggia intelligentemente a superfici, riflessi, architetture aeroportuali e suburbane di quell’America rigorosamente di provincia che viene sorvolata e visitata tangenzialmente da Ryan.

Persino l’elemento della “critica sociale”, del dramma della crisi economica e dei licenziamenti, pur tutt’altro che pregnante e appena abbozzato, non risulta perlomeno posticcio o pedante. Il tutto per arrivare alla costruzione di un tono sottilmente pessimista, dolente e ai limiti del cinico che dona interesse e spessore alla storia.

Ma è nel momento in cui il film compie la sua prima svolta narrativa – quella appunto al Clooney “balia” della giovane collega affetta da collegiale sicumera (Anna Kendrick) e del suo legarsi progressivamente alla bella frequent flyer interpretata da Vera Farmiga – che imbocca una strada dissestata e che conduce poco lontano. Da un lato colpa di alcuni problemi di sceneggiatura, legati soprattutto al personaggio mal disegnato della Kendrick,

banalizzano un po’ il tono generale del film assimilandolo a momenti a quello di commedie di tutt’altro registro; da un altro – e sono i problemi più seri – si perde progressivamente lo spirito lieve ma riflessivo che aveva caratterizzato la costruzione della storia e ci si adagia lentamente verso un buonismo consolatorio prima del tutto esplicito – in una parentesi quasi zuccherosa e male integrata al resto – poi solo apparentemente negato “a sorpresa” da un finale vero e proprio che finge di indossare di nuovo quella maschera disillusa che ci era stata proposta all’inizio ma che invece ammicca ad una normalizzazione che spazzi sotto il tappeto le grane fatte emergere in precedenza.

E di conseguenza si vanificano molti i quei pregi di qualità di scrittura, di regia e tematiche che pure il film, nel complesso, riesce (o e riuscito fino a un certo punto) ad offrire.

La donna della mia Vita..

Posted in cinema store, commedia with tags , , on giugno 9, 2010 by missaracle

“La donna della mia vita” racconta di due fratelli, Leonardo e Giorgio, molto diversi tra loro.

Il primo affidabile e sensibile, il secondo è incostante e donnaiolo.

E tutta via i due sono sempre stati uniti…

fino al giorno in cui Giorgio scopre che la nuova fidanzata del fratello non è altri che Sara, con la quale ha avuto una delle sue turbolenti relazioni extraconiugali.

Spetterà quindi alla madre Alba, ripristinare l’ordine familiare

e lo farà non senza sorprese e colpi di scena, che provocheranno grande scompiglio.

Ragazzi miei..

Posted in cinema store, commedia with tags , on giugno 9, 2010 by missaracle

Dopo la prematura scomparsa della sua seconda moglie, Joe deve far fronte alle quotidiane difficoltà familiari, cercando inoltre di aiutare il figlio minore Artie a superare il suo dolore.

Presto fa la sua comparsa anche Harry, il figlio adolescente di Joe,

nato dal suo primo matrimonio, che si unisce, con il proprio bagaglio emotivo, a questa difficile situazione.

Senza sapere bene come muoversi,

padre e figli decidono di lasciarsi alle spalle le convenzioni del mondo degli adulti,

optando per una vita basata sulla massima libertà e sregolatezza.

Ma quando la situazione si complica, Joe è costretto a riprendere in mano le redini e a comportarsi da genitore…

Posted in cinema store, fumetto with tags on giugno 9, 2010 by missaracle

Dylan Dog:Il film

Posted in cinema store, fumetto with tags , on giugno 9, 2010 by missaracle

Le avventure soprannaturali del detective Dylan Dog che, vestito con una maglietta rossa, una giacca nera e dei blue

jeans, cerca di scovare creature ultraterrene in una Londra spettrale.

La MovieMax ha aggiornato il sito ufficiale della compagnia con il banner de “Dylan Dog: Dead of Night”.

Vi ricordiamo che  il film di Kevin Munroe, mentre negli USA non ha, al momento, un distributore.. nelle sale Italiane l’uscita è già fissata per il 29 ottobre: cioè nel periodo di Halloween.

E’ stata la fanpage ufficiale di facebook a pubblicare il banner, che vedete in alto, e una foto in Alta Definizione.

La foto già conosciuta, la vedete qui a sinistra, con l’unica differenza che adesso è divulgata in HD.

Inoltre la stessa Moviemax, la società che, appunto, distribuirà il film in Italia, ha modificato parzialmente la grafica del suo website aggiungendo non solo l’immagine dell’ormai noto logo,

ma anche il box con la scritta “Coming Soon“.. ciò lascia indovinare uno spazio dedicato al film, a breve.